Home » Eventi passati » Seminario con Acarya Devavratananda Avadhuta

Seminario con Acarya Devavratananda Avadhuta

Seminario con Acarya Devavratananda Avadhuta - YANTRA Palermo


“La crescita personale e il controllo sullo stress attraverso lo Yoga e la meditazione"

Sabato 29 
gennaio ore 19: conferenza libera
Domenica 30 gennaio ore 9 - 20: seminario





Acarya Devavratananda Avadhuta è da vent’anni un monaco dell’Ananda Marga, il movimento socio-spirituale fondato nel 1955 da da Shrii Shrii Anandamurti.

Ananda Marga (dal sanscrito "Sentiero della Beatitudine") si basa sulla teoria che il totale potenziale umano può essere raggiunto attraverso un percorso di crescita interiore e servizio alla società.

 

Kundalini e Mantra

«La divinità dormiente nel corpo umano risiede nella parte più bassa della colonna vertebrale. Questa parte è chiamata “kula” in sanscrito. Quella divinità dormiente si chiama “Kulakundalini”. Kundalini significa “in forma arrotolata”. Dorme, e quando è risvegliata, è innalzata per mezzo del vostro sadhana [sforzo], per mezzo della vostra dhyana, c’han, chen, zen, andrà verso l’alto. Quando arriva in alto, cioè tocca il punto di controllo della ghiandola pineale, si diventa uno con la Coscienza Suprema. Si diventerà la Coscienza Suprema. Ora, la sede dove si trova la kula, dove si trova la Kundalini, ha una sua esistenza, e laddove c’è qualche azione o c’è qualche esistenza, c’è una radice acustica». (Sri Sri Anandamurti, “Radici acustiche”, 1979)

«La parola “mantra” in sanscrito è molto piena di significato, e non ha sinonimi in nessun’altra lingua[…] Il mantra è quella particolare parola la cui ripetizione, o auto-suggestione, o etero - suggestione, aiuta il Microcosmo a liberarsi da tutti i legami della vita fisica e psichica[…] Ora, per un mantra, due cose sono essenziali: deve essere significativo, cioè, nel senso proprio del termine, deve avere un suo significato; e, allo stesso tempo, deve essere supportato dall’adeguata radice acustica». (Idem, “Mantra e incantesimo”, 1978)

«Incantesimo è un termine latino. Significa “ripetere una particolare parola”. E quella parola crea un tipo speciale di vibrazione, e quella vibrazione avrà un suo effetto sul mondo materiale. Ma il termine sanscrito per “incantesimo” è Mantra. I significati originari di “incantesimo” o mantra non sono gli stessi[…], ma a causa del fatto che non c’è un termine latino per “mantra”, non trovo altra  alternativa che usare la parola “incantesimo” per “mantra”. Cos’è un mantra?[…] Mantra è ciò che , quando viene ripetuto continuamente, mostra la via verso[…] la liberazione.[…] Non si possono chiamare tutti i suoni del mondo “Mantra”. Perché? Perché non possiedono la capacità di liberare una persona dal legame.  Ci sono così tanti suoni, così tante sillabe e così tante parole in questo universo. Ogni parola ha un suo significato. Ogni sillaba è carica di una importanza; niente è trascurabile e niente è insignificante, ma solo quel suono le cui espressioni acustiche, o onde acustiche, hanno la forza di condurre la porzione più sottile della mente umana verso la suprema meta, può essere un mantra. Le altre parole sono semplici suoni, ordinarie sillabe, e nient’altro». (“Incantesimo e progresso umano”, 1977)

Il seminario si svolgerà dalle 9,00 alle 20,00 con pausa pranzo

(numero minimo di partecipanti: 5)

 

Informazioni e iscrizioni:

info@yantrapalermo.it

22/01/2011 commenti (0)
YANTRA Palermo

Affiliazione 2017/2018

Affiliazione 2017/2018 - YANTRA Palermo

Yantra è affiliata all'ARCI PALERMO

Shri Param Eswaran

Mahavidya School India

Sala yoga

Sala yoga - YANTRA Palermo

Lo spazio dell’Associazione Yantra è a disposizione per stage, training, seminari, corsi, conferenze di insegnanti e gruppi che svolgono attività affini.